NEL LETTO DEL VENTO: 3-ago-2011 WebShake – viaggi

mercoledì 3 agosto 2011

Da Girolata a Cargese

Alle 8 il porto ancora sonnecchia. Esco dalla cuccetta arruffata, lottando fra l'indecisione di tornare a dormire cullata dalle onde e la curiosità di vedere posti nuovi. Prevale la curiosità e mi affaccio sul mondo. Il cielo è nuvoloso ma promette una schiarita. Si mollano gli ormeggi: rotta per la Figajola. Il nome tradisce le nostre alte aspettative: una spiaggetta minuscola, deturpata da un paio di orrende casette.
Cala Sbiro
Passiamo lungo i calanchi di Piana: lame aguzze di roccia rossa che escono dal mare, grotte strette come ferite nello strapiombo che si erge per più di 500 metri sopra di noi.
Doppiamo Capo Rosso, bucato da uno stupefacente arco di roccia rossa, mentre sulla nostra sinistra si apre la favolosa Cala Sbiro: braccio di acqua cristallina su cui si affacciano 4 grotte, una delle quali è una bocca nera, aperta nella roccia. Tento uno sbarco con un remo solo, ma la remata alla bretone è ben al di là delle mie possibilità. Per salvare la pelle e, soprattutto, la macchina fotografica, torno su Cigale anche se bagnata fino all'osso, mentre una barca francese bacia uno scoglio sommerso: BAM!
Cala Genovese
Un attimo di concitazione e proseguiamo il tour delle calette intorno a Capo Rosso e arriviamo a Cala Genovese che lascia stupefatti, perchè, nel punto dove maggiore è la rientranza, la roccia rossa e quella bianca si congiungono, con una definizione netta. L'effetto "bicolore" è impressionante,  accentuato dalla grotta turchese che si apre alla base della congiunzione.
Ansa di Palu
Per il pranzo e il bagnetto, ci ormeggiato nell'Ansa di Palu, al cui ingresso c'è un pinnacolo di roccia a forma di dito ( o di altro, a voler essere maliziosi...). Il posto è da cartolina: torre genovese sullo sfondo, acqua turchese, fondo di finissima sabbia bianca, nell'anfiteatro di una natura selvaggia. Sotta la barca nuotano decine di pesci, persino un trigone.
La giornata finisce a Cargese: il cielo si rannuvola sinistramente e minaccia pioggia. La piccola cittadina e le sue due chiese, quella ortodossa e quella cattolica, che si fronteggiano sulla piazza principale, si tingono di rosa al tramonto.
Cargese - Tramonto

Blogger templates

Networked Blogs