NEL LETTO DEL VENTO: 14-ago-2012 WebShake – viaggi

martedì 14 agosto 2012

Ledge Point - Horrocks: sulla Indian Ocean Drive

Ledge Point
La giornata inizia con uno splendido arcobaleno. 
Speriamo vivamente sia di buon auspicio. 
Pinnacles Desert
Prima tappa, il suggestivo Pinnacle Desert, vera e propria icona del Western Australia. 
Ci sentiamo molto virtuosi e paghiamo l'ingresso al Nambung National Park, anche se non c'è nessuno a riscuotere la tariffa, lasciando i soldi nell'apposita busta. 
Vaghiamo fra queste fantastiche formazioni in mezzo al deserto: pinnacoli di ogni dimensione, modellati del vento, sul cielo blu intenso. In mezzo ai cespugli fanno capolino due wallaby che stanno facendo colazione.
Kangaroo Point
Ripartiamo verso Nord, percorrendo la Indian Ocean Drive. Il paesaggio muta continuamente: bush, dune di sabbia, oceano. Ci avventuriamo per la prima volta, molto titubanti, su una strada rossa, per raggiungere Kangaroo Point. Veniamo premiati con un paesaggio mozzafiato: chilometri di spiaggia bianca deserta, che si tuffa nell'oceano turchese. Nell'aria c'è un forte odore di alghe e di salsedine.
Lake Thethys - Stromatoliti
A Cervantes, deviazione per il Lake Thethys, con i suoi stromatoliti sommersi (i più antichi esseri viventi presenti sulla terra, simili a coralli), poi abbracciamo con lo sguardo la costa e i mare dall'Hansen Bay Lookout.
Mentre torniamo sull'Indian Ocean Drive, 3 emù ci attraversano la strada. Un maschio e due piccoli (le femmine depongono solo le uova, non covano e non allevano la prole!). Mi butto giù dalla macchina e mi lancio all'inseguimento, ma la famigliola piumata è già sparita nel bush.

Proseguiamo e l'outback lascia spazio alla "Contea". La natura selvaggia si trasforma nella campagna inglese. Restiamo un po' spaesati, perchè intorno a noi c'è il Devonshire: prati verdi, mucche, pecorelle ed agnellini. Persino una volpe che ci attraversa la strada.
Ci vuole un kakatoo che decide di suicidarsi sul nostro paraurti per convincerci che siamo ancora in Australia.
Port Denison

Pausa pranzo a Port Denison: cittadina di pescatori e pensionati, due passi a sud di Geraldton. Niente di interessante, a parte un piccolo porto peschereccio.
Un'occhiata alla guida e cassiamo anche Geraldton, prima di proseguire verso Nord.
Arriviamo a Horrocks poco prima del tramonto, minuscola cittadina sulla costa. 
Horrocks
Al campeggio ci accolgono calorosamente e chiamano Maria, una simpatica ragazza di origini italiane, australiana di seconda generazione "Mary! Mary! Come here, there are Italians!". I nonni di Mary venivano dalla Puglia."L'Italia è bellissima! Ci sono stata tanti anni fa". Mi commuovono sempre questi incontri. Le storie di persone che hanno lasciato il loro paese per trasferirsi a decine di migliaia di chilometri da casa, sotto questo cielo sconfinato. Sono tanti, infatti, gli italiani che vivono da queste parti, anche in paesini sperduti, persi fra l'outback e l'oceano.

Sistemiamo il camper per la notte e poi ci inebriamo di uno splendido tramonto, guardando il sole che si tuffa fra le onde e affonda nell'Oceano Indiano.
Cena: pollo indiano e andiamo a dormire sorridenti fra gli effluvi di curry.

Blogger templates

Networked Blogs