NEL LETTO DEL VENTO: 26-ago-2012 WebShake – viaggi

domenica 26 agosto 2012

Cape Range NP - Nanutarra Roadhouse: driving into the nevernever

Into the never-never
La nostra esplorazione di questa meraviglioso angolo d'Australia, termina a Lakeside, fantastico spot per lo snorkeling, immerso in un panorama da brividi. Il reef brulica di coralli e pesci colorati e ci dimentichiamo quasi l'acqua fredda. 
Davide avvista un piccolo squalo di barriera e rischiamo di replicare il miracolo della camminata (in questo caso corsa) sulle acque.
Lasciamo Exmouth veramente a malincuore, con una gran stretta allo stomaco. Delle meraviglie viste fin'ora, so che questo luogo, in particolare, mi resterà dentro, sotto la pelle. So che non dimenticherò mai le spiagge deserte battute dal vento, l'orizzonte infinito, i cieli traboccanti di stelle, le acque turchesi dell'oceano indiano, la nostra piazzola circondata dai canguri, i tramonti mozzafiato assaporati con un bicchiere di Sauvignon in mano. 
Giralia Bay
Riprendiamo la strada. L'oceano diventa bush, le spiagge aride si trasformano in desolazioni rossastre che si perdono nel cielo blu violento. Intorno a noi : arbusti, termitai, cespugli di eucalipto. Davanti e dietro di noi, solo un fiume d'asfalto. Visioni oniriche si manifestano nell'aridità del never never, come il cartello stradale di Giralia Bay: surreale apparizione dopo centinaia di chilometri di guida monotona. 
Nanutarra Roadhouse
Le ore passano e il tramonto si avvicina. Decidiamo di far tappa alla Nanutarra Roadhouse: strano ibrido fra una stazione di servizio e il Bates Motel. Ci parcheggiamo in mezzo a roulotte e camper, quasi tutti di pensionati australiani, che chiacchierano del più o del meno come se fossero in un bar di Perth e non spersi in mezzo all'outback, a centinaia di chilometri dal più vicino segno di umanità. Posti come questo, nella nostra addomesticata Europa, sono una rarità, un'attrazione che evoca il selvaggio west, perchè rappresentano l'ultimo avamposto della civiltà al confine con le terre selvagge. 
Una doccia calda lava via la salsedine e la sabbia degli ultimi 3 giorni, prima di un brindisi al tramonto e di un lungo sonno, disturbato solo dall'urlo dei cacatua.

Blogger templates

Networked Blogs